Manifesto della comunicazione non ostile

Riflettiamo sul peso che possono avere le parole e sulla decisione di usare un certo tipo di parole piuttosto che un altro.

Leggiamo assieme il manifesto sottostante senza commentarlo, per il momento. Ve ne verrà distribuita una copia ciascuno.

C44cfXRWYAAHzO3

Ora da solo prova a risolvere il cruciverba che ti verrà dato.

Faremo assieme tre esercizi (1-2-4).

Per ogni esercizio farai una piccola scheda sul quaderno in cui inserirai il principio a cui si riferisce e una riflessione che ti ha suscitato.

Per ogni principio che non abbiamo trattato proverai a pensare ad un esempio concreto e lo scriverai sul quaderno.

Per LE PAROLE SONO UN PONTE guardiamo questo video:

Cosa pensi di quello che ha detto?

Le parole sono la nostra merce di scambio con gli altri
A volte ci accarezzano
Parole gentili come un fiore o pesanti come un pugno in faccia
Bisogna stare attenti alle parole. Le parole sono potenti.
Bisogna usarle con cura e sceglierle una ad una.

Ora leggiamo insieme il testo della canzone ‘Hurts’ (tradotto)

Ora nei prossimi dieci minuti scriverete su un foglio bianco parole quotidiane che possono essere:

  • Parole come fiori – fronte.
  • Parole come pugni in faccia – retro.

Una volta scritto, condivideremo i nostri lavori guardando queste parole alla luce della nostra vita di classe, pensando che ci sono parole che costruiscono ponti ed altre che innalzano muri.

Ed ora per casa avrete due compiti:

  1. intervistate un coetaneo, un giovane o un adulo chiedendo loro di raccontare una parola che ha costruito un ponte e una che è stata o ha dato un pugno in faccia: la ridirebbero? che conseguenze ha avuto?
  2. Con le stesse modalità intervistare anche un professore di storia (o un adulto a voi vicino) e chiedetegli di raccontare una o più parole o gesti che hanno cambiato (nel bene e nel male) la storia (Dichiarazione Balfour – Il silenzio di Vittorio Emanuele III – Il discorso di Martin Luther King I have a dream – Obbedisco di Garibaldi – Date una carezza ai vostri bambini – Spero mi corrigerete, Un giorno verrà il giudizio di Dio)

Nuovomondo: quando gli immigrati eravamo noi….

In classe abbiamo visto degli spezzoni del film Nuovomondo di Emanuele Crialese.

Come compito per casa dovrete rispondere sul quaderno in modo esaustivo alle domande qui di seguito:

  1. Cosa induce la famiglia Mancuso a partire?
  2. Come si preparano per il viaggio e come vive l’intero paese la loro partenza? (27″)
  3. Come sono le condizioni di viaggio? (39″ – 43″ – 58″)
  4. Sei d’accordo con i metodi applicati per scegliere chi poteva entrare negli USA e chi no? Su cosa si basavano?
  5. Alla frase di un esaminatore “Dobbiamo sapere se siete buoni per entrare nel Nuovo Mondo” come reagisce la vecchia madre? Chi pensi abbia ragione?
  6. Descrivi la scena in cui le donne incontrano i fidanzati. Come ti saresti sentita/o al loro posto?
  7. Confronta l’atteggiamento del protagonista Salvatore Mancuso e della madre anziana nei confornti di questo viaggio.

Ecco l’intero film su youtube.

I numeri che sono di fianco alle domande sono i minuti in cui si trova la scena che abbiamo visto o che serve per rispondere alla domanda.

 

Testo regolativo: la NETIQUETTE

3666796961_0ab03e7c49_b

Confrontiamoci ora su un articolo apparso sulla rivista ‘Consumatori’ edita dalla Coop, cooperativa fondatrice di grandi supermercati, che parla del ‘Manifesto della comunicazione non ostile’:

Regole utili per la rete

6988486459_071dd8ed8c_z

Se potessi avere un ‘libretto di istruzioni’ per qualcosa nella vita cosa vorresti?

  • come farsi nuovi amici a scuola
  • come sopravvivere alle medie
  • come superare l’esame di terza media…

Beh, esistono già su wikihow

Come compito per le vacanze scrivere una serie di regole di ‘uso corretto di WhatsApp’.Il testo deve essere sì un elenco ma ogni punto va motivato e ragionato.