Le preposizioni

Ecco le tabelle riassuntive delle preposizioni:

1

2

3

4

Le trovi anche in questo file .doc che puoi scaricare e stampare: Tabelle sulle preposizioni

Le preposizioni spesso accompagnano i verbi variandone il significato. Come nel caso del verbo METTERE:

  • Anna, per favore, metti il libro _____ tavolo.
  • Hai messo i vestiti ______ cassetto?
  • Adesso devo mettere il bambino _____ letto.
  • Dovete mettere ______ conto che non so pattinare.
  • Hanno messo nero ____ bianco, adesso non hanno più dubbi.
  • Hai messo il latte ______ frigorifero?
  • Carla ha messo i vestiti estivi ______ armadio nero.
  • Ho messo Carlo ______ corrente di quanto è accaduto ieri.

Inserendo opportunamente la preposizione giusta ti sarai accorto che i significati cambiano. Ogni preposizione introduce un complemento differente (luogo, mezzo, scopo, possesso…). E’ importante dunque abbinare a ciascun verbo la preposizione corretta:

  1. abituarsi
  2. accettare
  3. appartenere
  4. avere fiducia
  5. avere voglia
  6. avvicinarsi
  7. cercare
  8. chiedere
  9. cominciare
  10. concentrarsi
  11. condividere
  12. consigliare
  13. contare (pensare di fare qualcosa)
  14. contare (avere fiducia in qualcuno)
  15. continuare
  16. credere(prendere per vero qualcosa)
  17. credere (avere fiducia)
  18. decidere
  19. essere degno
  20. essere in grado
  21. evitare
  22. fare a meno
  23. fingere
  24. imparare
  25. impegnarsi (prendere un impegno)
  26. iniziare
  27. negare
  28. pensare
  29. riuscire
  30. sbrigarsi

Per capire meglio il legame tra analisi logica e conoscenza delle preposizioni svolgi l’esercizio seguente:

1 2

Testa ora la tua conoscenza delle preposizioni svolgendo l’esercizio di seguito:

3

Infine una serie di esercizi da fare online per verificare il proprio grado di preparazione. Molto interessanti e più difficili sicuramente gli ultimi, sulle frasi idiomatich e le preposizioni in contesto:

ESERCIZI

Esercizi 2

Esercizi 3

Ed ora degli schemi per facilitarne l’apprendimento:

Le CONGIUNZIONI

Innanzitutto partiamo con uno schema esaustivo (cioè completo) delle congiunzioni della lingua italiana:

Semplici:
Sono formate da una sola parola.
e, né, o, inoltre, ma, però, dunque, anzi, che
Composte:
Sono formate da due o più parole unite insieme.
allorché, perché, giacché, purché, affinché, eppure, oppure, dopoché 
Locuzioni congiuntive:
Sono formate da due o più parole scritte separatamente.
con tutto ciò, di modo che, in quanto che, 
Coordinative:
Uniscono due o più elementi di una proposizione che hanno la stessa funzione oppure due o più proposizioni con lo stesso valore sintattico all’interno di un periodo.
Copulative: e, anche, neanche, neppure
Disgiuntive: o, ovvero, ossia, oppure
Avversative: ma, però, tuttavia, anzi
Dichiarative: infatti, cioè, ossia
Conclusive: dunque, quindi, perciò
Correlative: e.. e, sia.. sia, o.. o
Subordinative:
Uniscono due proposizioni all’interno dello stesso periodo ponendo l’una alle dipendenze dell’altra.
Dichiarative: che, come
Temporali: quando, mentre, finché
Finali: affinché, perché
Causali: perché, poiché, siccome
Consecutive: così che, tanto che
Modali: come
Comparative: più che, tanto che
Concessive: sebbene, quantunque
Condizionalise, purché, qualora
Interrogative: perché, come, se
Eccettuative: fuorché, tranne che

Dopo aver capito cosa sono e a cosa servono le congiunzioni alleniamoci un po’ ad utilizzarle e riconoscerle con questi esercizi:

Esercizi 1

Esercizi 2

Esercizi 3