Chi sono?

Bella domanda.

Sono una professoressa di italiano, storia e geografia e lavoro presso la scuola media Don Minzoni di Ravenna. Eh sì sono una professoressa e non ‘faccio la professoressa’. Mi accorgo, infatti, che guardo il mondo, e quello che mi succede quotidianamente, con l’occhio di chi sa di avere il compito di trasmettere conoscenze e di educare. Ogni piccola cosa può essere spunto per una nuova mritratto francesca2etodologia didattica; un film può servire per far meglio capire un periodo storico, un libro, una mostra, una canzone… tutto mi rimanda ai miei ragazzi e a quello che più può essere loro utile per capire.

Spesso adopero le nuove tecnologie per far lezione e incoraggio i ragazzi ad utilizzarle, proponendo sempre nuovi software.

Per questo motivo ho deciso di aprire un blog.

Poter pubblicare i lavori fatti dai ragazzi, nella speranza che possano essere utili ad altri, mi sembra un buon modo per ringraziare tutte le persone anonime che, attraverso la rete, mi hanno aiutato a fare meglio il mio lavoro.

Ed ora per non prendersi troppo sul serio fatevi due risate con Antonio Albanese che racconta l’esame di terza media dal punto di vista di un insegnante!

E qui il colloquio con i genitori:

9 thoughts on “Chi sono?

  1. Ciao Francesca,
    sono un’insegnate di lettere alle medie come te e volevo semplicemente ringraziarti perché grazie al tuo blog ho trovato molti spunti interessanti da proporre in classe ai miei studenti.
    Continua così,
    Cecilia

    • Ciao Cecilia, grazie del commento. Sono contenta che possa essere utile a qualcun altro. Chi sa che non possiamo collaborare assieme e fare un gemellaggio elettronico con le nostre classi. Di dove sei?

  2. Buonasera Francesca,
    Sono la mamma di un’adolescente che il prossimo anno affronterà il liceo classico, spero e mi auguro che mia figlia abbia la fortuna di poter incontrare almeno un “non professore” come lei.
    Con stima Catia

    • Grazie mille Catia,
      questo è il mio lavoro e non solo. Ormai non riuscirei a farlo in un altro modo. Certo le intenzioni sono sempre le migliori ma spesso non riesco a fare tutto quello che vorrei e a volte i risultati non sono quelli attesi. Ma il bello di questo lavoro è potersi rinnovare sempre, cambiare e sperimentare. In bocca al lupo per tua figlia. Di insegnanti bravi ce ne sono in giro tanti quindi sicuramente capiteranno anche a lei.
      Un abbraccio
      Francesca

  3. buongiorno. sono insegnante di scuola primaria. quest’anno scolastico affronteremo in classe 5° il tema del “giallo” ho scorso le sue pagine e mi sono piaciute perchè è mia intenzione partire dalla enigmistica e proseguire con letture e visione di film.
    se le è possibile potrebbe inviarmi le soluzioni degli enigmi ?
    credo che seguirò il suo schema per la mia programmazione annuale. grazie e buona giornata ma anche buon inizio d’anno.
    Mariangela

    • Grazie per aver visitato il mio sito e per i complimenti.
      Il giallo è uno dei miei generi preferiti, assieme alla fantascienza, e vedo che negli anni appassiona anche i miei alunni. Sicuramente in questi giorni di inizio lavoro per tutti le invierò alla mail privata le soluzioni così potrà usare il lavoro con i suoi alunni.
      A presto
      Francesca

  4. Cara Francesca,
    “inperfetta” è solo uno scherzo, vero? E “qualcun’altro” le è scappato in un attimo di distrazione, veeeeero? La prego, mi dica che è così!

    • Grazie delle correzzzzioni. Con quante z l’ho scritto???
      Certo ‘inperfetta’ voleva essere un gioco di parole che sottintendesse alla mia imperfezione appunto.
      L’apostrofo in qualcun altro invece non sono riuscita a rintracciarlo… se mi può dire dove l’ho scritto le sarei molto grata.
      Spero che mi corregga anche altre volte.
      Quattro occhi sono meglio di due!
      Francesca

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>